Basket Rozzano: Le interviste #2

Proseguono le interviste ai protagonisti del Basket Rozzano, oggi tocca allo storico Coach, oggi Team Manager, Corrado Iosca.

1) Buongiorno Coach il suo ruolo a molti non è chiaro, ce lo racconta?
C: Buongiorno, effettivamente sono come il prezzemolo, diciamo a parte gli scherzi, mi divido nello svolgere tre attività fondamentali per il Basket Rozzano: la prima è quella di Responsabile dell’area tecnica dove coordino il coaching staff e con i responsabili del settore giovanile e minibasket studiamo, progettiamo e portiamo avanti le attività didattiche agonistiche con un occhio particolare alla formazione (terzo anno di progetto HIGHSCHOOL ndr). In secondo luogo, mi occupo di tutte quelle attività che possiamo definire di ENGAGEMENT Marketing commerciale: in pratica mantengo e sviluppo le relazioni di supporto pubblicitario alla nostra società, coinvolgendo nuovi partner e sviluppando progetti a tema speciali come ad esempio “Adotta un cestista”. Infine, ricopro un ruolo operativo nel coaching staff della SERIE D occupandomi della parte fisica e di condizionamento (sono preparatore fisico nazionale della FIP) e addetto allo scouting e analisi tattica.

2) Quali sono gli obiettivi dei LIONS Serie D per la stagione appena iniziata?
C: La stagione sarà la stagione più difficile degli ultimi 50 anni: infatti causa uniformazione della serie C, l’attuale serie D perderà il 50% di
squadre che verranno retrocesse in PROMO. Mantenere la categoria è la nostra sfida maggiore, facendolo riempendo il PALABONACCI e
facendo innamorare i nostri piccoli e giovani atleti del nostro movimento.

3) Se dovesse esprimere un desiderio per la stagione 2022/2023 cosa esprimerebbe?
C: Ne approfitto e faccio finta di avere la lampada di Aladino e quindi ne chiedo 3:
Il primo che ristabilisca un equilibrio sociale mondiale che ci possa permettere di continuare a fare sport e aggregazione ridonando
tranquillità a tutti noi. Il secondo ovviamente sarebbe quello di vincere il campionato con questa squadra fatta di prima meravigliosi uomini e poi giocatori. La terza, poter continuare ad allargare la nostra base di giovani frequentatori facendo partire il progetto “La casa del Basket” ma questa è l’anticipazione di un progetto che vi illustrerò più avanti.

Ti potrebbe interessare anche...

Tempesta perfetta

I Lions perdono il derby

Corso arbitro FIP 2023

Se vuoi diventare arbitro, iscriviti!

All’ultimo respiro

Vittoria di corto muso (cit.)

Basket Rozzano: Le interviste #3

Intervista numero 3!